cooltext1041562574cooltext1041547284

cooltext1041554661


Richiedi Preventivo

richiedi-preventivo-teknoreuse

Contattaci

Logo-Numero-Verde

Per la piena applicazione del DM 3 agosto 2005, attuazione del D.Lgs D.Lgs 36/2003, a sua volta attuativo della direttiva 1999/31/Ce, e con l'introduzione dei nuovi codici CER, introdotta con Direttiva della Commissione 2000/532/CE, prende sempre più corpo il moderno impianto normativo introdotto dal decreto "Decreto Ronchi" n° 22/97.

Vi è ad oggi la necessità da parte del produttore di dover caratterizzare i propri rifiuti, infatti in base all'articolo 10 del Dm 22/97 è dovere di questo avviare correttamente alla filiera del recupero/smaltimento i rifiuti prodotti: caratterizzandoli ed accertandosi di affidarli a soggetti autorizzati, ottenendo per ogni aliquota avviata alla filiera la certificazione (consistente nella 4° copia del Formulario di Identificazione opportunamente vidimata dall'impianto ricevente.

Chi effettua il servizio di trasporto e l'impianto di conferimento hanno inoltre l'obbligo di richiedere al produttore certificazione qualitativa accertante la classificazione del rifiuto e l'analisi chimica per dar luogo alle corrette operazioni di recupero/smaltimento.

Tale certificazione qualitativa è contenuta all'interno della scheda di sicurezza del prodotto che individua le modalità di smaltimento indicando il livello di pericolosità e a volte anche il codice CER del rifiuto. In mancanza della scheda di sicurezza, nel caso che il codice CER non sia individuabile, il produttore ha l'obbligo di far analizzare il rifiuto.

Esempio chiaro è il caso dei consumabili da stampa esausti che avendo un codice CER specchio (posso presentarsi come rifiuti pericolosi CER 090317 o non pericolosi CER 080318) dove si ha la necessità da parte del produttore di accertarsi della pericolosità seguendo la procedura sopra descritta.

A fronte di tale normativa la TEKNOREUSE ha attivato un servizio di analisi chimiche dei campioni da effettuare prima della raccolta, onde poter stabilire il livello di pericolosità del rifiuto oltre a garantire le modalità di gestione più idonee con la massima sicurezza ecologica durante le varie fasi.